Jason Nelson. I videogiochi come poesie digitali

Mario Savini

Jason Nelson - Mario Savini

Jason Nelson

Gli art games di Jason Nelson – Net Art/Digital Poetry Gamessembrano animazioni di collage dadaisti, rimandi alle opere di Kurt Schwitters, Hannah Höch o Raoul Hausmann. Le composizioni raccolgono materiali di ogni tipo, sviluppando percorsi che si snodano tra versi poetici, annotazioni disegnate a mano, documenti storici, immagini ritagliate dalla Rete. Le figure e le scritte sono accostate liberamente, senza una coerenza formale come se tutto fosse basato sulla casualità. Gli spazi di queste “poesie digitali” brulicano di bizzarre invenzioni che si accompagnano a strani rumori o a voci filtrate da un software speech-to-text. Le architetture semplici ed incomplete disorientano l’utente di fronte ai pericoli.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...